NOTE! This site uses cookies and similar technologies.

If you not change browser settings, you agree to it. Learn more

I understand

Studio Vincenzo Vargiu

Con il termine microclima si intende il complesso dei parametri fisici (temperatura, aerazione, umidità) che caratterizzano l’ambiente di lavoro e che assieme a parametri individuali (attività metabolica e abbigliamento) determinano gli scambi termici fra l’ambiente e gli individui che vi operano.

Parametri microclimatici in contrasto con i parametri individuali dei lavoratori possono dare origine a due condizioni sfavorevoli per l’organismo:

  1. discomfort termico: da luogo alla sensazione di caldo o di freddo che richiede l’intervento di meccanismi di termoregolazione;
  2. stress termico: condizione nella quale l’organismo non riesce più a mantenere costante la temperatura interna; può causare effetti negativi per la salute (colpo di calore, congelamento, assideramento).

 

L’esposizione al calore può generare sul corpo umano anche degli effetti immediati che possono variare da un semplice malessere a forme anche gravi come il cosiddetto “colpo di calore”.

L'esposizione ai raggi ultravioletti del sole è la principale causa di cancro della pelle. I danni prodotti si accumulano ed aumentano con una prolungata esposizione.

L’esposizione al calore non uniforme può portare ai cosiddetti “stress termici localizzati”, dove l’organismo deve far fronte a un progressivo abbassamento di temperatura delle estremità corporea che può portare da semplici fastidi e problemi nell’attività lavorativa a vere e proprie patologie da ipotermia.

 

Attraverso i nostri specialisti assicuriamo:

-         Valutazione del Rischio microclima in ambienti termici moderati ed estremi

-         Procedure di intervento per la gestione dello stress termico in ambiente lavorativo