NOTE! This site uses cookies and similar technologies.

If you not change browser settings, you agree to it. Learn more

I understand

Studio Vincenzo Vargiu

Nel 1992 l'entrata in vigore della Legge 257 sulla "Dismissione totale dei materiali di amianto" e il successivo Decreto Ministeriale del 6-09-1994 sulla Gestione dell'amianto negli edifici, prevedono la localizzazione dell'asbesto, la valutazione delle condizioni dei materiali per poi provvedere agli interventi successivi.

 

 In edilizia l’amianto era utilizzato principalmente per la protezione dal fuoco, per la coibentazione termica, acustica e come rinforzo per il cemento dei fabbricati. In generale l’amianto si può ancora trovare principalmente nei materiali che rivestono superfici applicati a spruzzo (floccati), nei rivestimenti isolanti di tubi e caldaie, e nei manufatti prefabbricati ( amianto cemento). La presenza di materiali contenenti amianto in un edificio non comporta di per sé che esita un pericolo per la salute degli abitanti. I rischi per la salute dipendono, infatti, dalla probabilità che il materiale rilasci nell’aria fibre di amianto che possono essere inalate dagli individui.

Se l'asbesto presente è di tipo "friabile", ed è quindi presente il pericolo di dispersione delle fibre nell'aria, per i proprietari degli immobili è previsto l’obbligo di notificare alle ASL la presenza d’amianto in matrice friabile; le ASL hanno il compito di effettuare l’analisi del rivestimento degli edifici e di istituire un registro con la localizzazione degli edifici con presenza d’amianto floccato o in matrice friabile. Il DPR 8/8/94 [indirizzi operativi per l'attuazione dei Piani Regionali Amianto] dispone che il censimento e la successiva mappatura degli edifici con presenza di amianto libero (il rilascio di fibre nell’aria è gia in atto) o in matrice friabile è obbligatorio per gli edifici pubblici, i locali aperti al pubblico e di utilizzazione collettiva ed i blocchi di appartamenti.

Il censimento delle singole unità abitative private è dichiarato, dal medesimo DPR, facoltativo.

Gli Enti pubblici hanno inoltre il potere di disporre, quando ritenuto opportuno, la rimozione dei materiali contenenti amianto, con oneri a carico dei proprietari.